Allegri 433MrA : il confronto

massimiliano-allegri

Leggi il resto dell’articolo

Allegri 433MrA – La zona centrale

massimiliano-allegriDopo il primo flash post sul 433 MrA  andiamo avanti con le nostre considerazioni affrontando da vicino alcune delle novità e delle difficoltà che la nuova Juventus stà incontrando, alla ricerca di una nuova identità.. e forse alla ricerca anche di una nuova sfida….

Leggi il resto dell’articolo

Allegri: 433 MrA

massimiliano-allegriTutti i giocatori di FM (quelli veri) si sono scontrati con le dure leggi del calciomercato… ricostruire o ringiovanire una squadra spesso è un treno che viaggia su un altro binario rispetto agli obbiettivi prefissati dalle società ma aver paura di cambiare potrebbe essere il male peggiore che insidierebbe le basi della società portandola ad un evidente lento declino (ne è un triste esempio il Milan odierno). Massimiliano Allegri ha sempre avuto l’etichetta di preferire il 4312 ma io sono più propenso a credere che sia invece un profondo conoscitore delle dinamiche del centrocampo a 3…. che spesso non può prescindere dall’avere nel ruolo specifico l’interprete dalle caratteristiche appropriate. Allora proviamo ad analizzare il 433 di Mr Allegri o più semplicemente 433MrA, dando prima uno sguardo al modulo…. e poi ad alcune considerazioni:
Leggi il resto dell’articolo

Luis Enrique – Barcelona new look

luis enrique

La Finale di Champions League non manca mai di sorprendere chi ne segue l’evolversi durante tutta la stagione calcistica … gironi, sorteggi, partite andata e ritorno, trasferte in campi non sempre perfetti, condizioni climatiche più o meno favorevoli e stadi con tifoserie spesso ostili, senza parlare dei problemi ordinari delle rose di chi affronta la manifestazione…Passare i turni è davvero un’impresa non c’è solo fortuna nè solo bravura, la Champions è un mix, è un cocktail di Management societario, organizzazione, pianificazione, obbiettivi, squadra e mentalità……. quindi non c’è dubbio

chi arriva in Finale è da Finale.

Diamo allora uno sguardo più da vicino agli avversari della Juventus….

Leggi il resto dell’articolo

I Lupi di Heychnes – Wolfsburg

Heckings WolfsburgNello scontro diretto al vertice della classifica tedesca i lupi di Heycknes sbranano il Bayern Munchen con un risultato netto e schiacciante che li classifica ormai come la vera alternativa al BVB nel contrastare il monopolio dei bavaresi nella Bundesliga, tanto che Jurgen Klopp in tempi non sospetti aveva già dichiarato: Sono rivali da prendere molto sul serio “…. Il calcio tedesco ormai ci ha abituato a rapidità, ritmi altissimi uniti a tecnica e carica agonistica, ma allo stesso tempo a tante occasioni, tanti tiri e tanti goal….

Sotto la guida di Heycknes i Wolves racchiudono molti degli aspetti moderni del calcio, con esterni infaticabili come Perisic e seconde punte offensive come De Brunye, unite a centrocampisti completi tipo Luiz Gustavo e difensori moderni capaci di aggredire e coprire come Naldo…. il tutto a formare una squadra corta, aggressiva ma anche rapida e creativa.

Vediamo gli aspetti che ci hanno impressionato nella partita contro il Bayern…..

Leggi il resto dell’articolo

Mandorlini: 532

Mandorlini_Andrea-300x194Nella doppia sfida ravvicinata contro la Juventus, il Verona ha pagato un caro prezzo…. ben lontano dal picco di gloria ottenuto nella precedente stagione quando il gioco scaligero era temibile e Iturbe, Jorginho, Romùlo e Gomèz erano terminali offensivi di un Luca Toni che nonostante i 20 goal realizzati si trasformava spesso in assist man per i compagni. La stagione 2013/14 ha permesso di schierare ad Andrea Mandorlini un vero 433 con un centrocampo dinamico, di qualità che accorciava i reparti per un pressing alto e permetteva alla squadra di essere pericolosissima nelle sfruttare le transizioni e il contropiede quando arretrava adescando gli avversari……. Leggi il resto dell’articolo

Stefano Pioli: 433 stretto

Stefano Pioli  S.S. LazioQuesta nuova Lazio non ci stà a mollare l’Europa… dopo Juventus e Roma i biancocelesti hanno presentato un gioco fluido e vincente che gli ha permesso di mettersi in corsia di sorpasso anche sul Napoli che rimane comunque il primo pretendente al terzo posto. La cosa certa di quest’anno è che le squadre in vetta alla classifica hanno fatto del tridente la caratteristica principale dei loro impianti, tra chi insegue infatti c’è chi si stà attrezzando (vedi Inter e Milan) chi è rimasto sfortunamente spiazzato (Fiorentina) e chi lotterà con le proprie armi a disposizione (Genoa & Co). Stefano Pioli ha plasmato la Lazio ai suoi dogmi…. andando incontro a scelte di interpreti difficili, ma lasciando parlare i risultati.Guardiamo la nostra analisi dove non mancheranno gli spunti tattici per gli amanti di Fm2015: Leggi il resto dell’articolo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: