El Maestro Tabarez – Difesa passiva


uruguay tabarezOscar Tabàrez sorprende tutti ancora una volta…. El Maestro per gli addetti ai lavori è l’uomo dei miracoli che nel 2011 modella la sua squadra in corsa e vince un’inaspettata Coppa America e al Mondiale Brasiliano parte male contro la Costarica per poi vincere in due campi ostici come quello inglese e italiano.  Dichiarerà : ” E’ un segno del destino…siamo pronti all’impresa ” e noi mostreremo le sue indicazioni contro l’Italia nel Death Match……l’indicazione era chiara…. ” al mio via scatenate l’Inferno ” perchè l’Italia non si può battere dominandola, non si può battere con la  forza, possiamo vincerla solo colpendola quando è debole….

Era chiaro che il 352 italiano con il reparto difensivo della Juventus schierato in blocco, avesse molti movimenti collaudati e automatizzati che si riconducevano al gioco di Conte… Prandelli si gioca la carta in più dei Three play togliendo un Pivot a centrocampo e inserendo il regista difensivo Bonucci dietro la difesa. Sulla carta il commissario tecnico sfrutta molte delle potenzialità che che la squadra gli offre ma rimane prevedibile…..

uruguay italia

La Celeste risponde con un attento 3511 impostando 2 punte al servizio della squadra con una il compito di venire a recuperare palla e l’altra più pronta a ripartire. Tabàrez lascia liberi i centrali difensivi italiani abituati da Conte a portare palla ma vuole innervosire il gioco con le Diagonali lunghe a centrocampo che spezzano i cambi di gioco e costringono a soluzioni in spazi stretti.Il tocco del Maestro lo troviamo nei compiti di Rodriguez e purtroppo vediamo anche i limiti del gioco italiano. Tabàrez si aspettava che Prandelli non avrebbe cambiato le sue idee, il triangolo centrale del 352 è impostato uguale a quello del 4141 quindi se a sx Marchisio doveva essere controllato nelle corse centrali a venire dentro e quindi servivano uscite dalla difesa, a dx sul lato Verratti il gioco si faceva duro…. bisognava tamponare i due Play con un’azione mirata. Quindi Rodriguez non può sbagliare movimenti con palla a Chiellini deve chiudere la diagonale per far scendere il metodista e a mantenere la linea a 5 e poter mandare in pressione un uommo su Marchisio creando un 2 contro 2 in fascia

 

uruguay italia

I compiti alle Punte sono specifici lasciare i due centrali laterali liberi che verranno chiusi con le diagonali lunghe oscurando il cambio di gioco tenendo a uomo le due fonti basse del gioco italiano. In evidenza la bravura dei due interpreti… Cavani corto più a uomo stretto ma mai francobollato a Pirlo per vedere i suoi movimenti mentre Suarez è il Vampiro intermedio… la palla a Bonucci è la sua preda… lo può pressare e direzionare ma può allo stesso tempo collaborare di squadra con Cavani su Pirlo.

Barzagli e Chiellini infatti sono i due giocatori che possono impostare palla, ma dai passaggi si può vedere come l’Uruguay sia impostato…. a  Chiellini con la diagonale lunga viene direzionato per un gioco più verticale ma mai pericoloso mentre a  Barzargli viene concesso meno campo ma con la possibilità di giocare anche all’interno del campo….

photo1

vediamo come e perchè…..

DSC_0163

Palla a Chiellini e Suarez, Cavani e Rodriguez iniziano la difesa passiva controllando il centrocampo tenendosi corti sugli appoggi…. Cavani e Rodriguez pronti a stringere la diagonale corta e la Celeste porta 4 uomini in fascia a chiudere mantenendo la punta centrale nel 2 contro 1….. Il blocco degli Juventini in campionato ha sempre sfruttato questa superiorità numerica portando a liberare un uomo o in fascia o internamente ma qui la situazione è più complicata

DSC_0162

L’incredibile mossa di Tabàrez che adotta la strategia usata dal Costarica…. L’Italia crolla sotto le sue scelte che non hanno versatilità. Sul Lato di Barzagli i PLAY…. Verratti e Pirlo non devono avere la possibilità di stare tra le linee e anche qui l’intelligenza di Cavani che tende ad allungarsi da Pirlo per continuare la difesa passiva con Suarez che arriva a supporto. La zona di Barzagli subisce un BY PASS che lo costringe a spostare le giocate all’interno…. ma i movimenti delle punte italiane sono compromessi

DSC_0165

Palla a Barzagli ed ecco la tattica Costaricana, con l’Italia che và alla ricerca del Play Alto, l’Uruguay si difende più passivamente e con una linea difensiva più bassa, (grazie alle capacità di ripartire con più qualità) all’interno della propria metà campo ma con lo stesso stile dei costaricani. Rodriguez lascia in consegna Verratti alla scalata aggressiva del centrale difensivo Caceres che porta  superiorità numerica tra le linee. Cavani su questo lato è molto più concentrato su Pirlo perchè non ha il compito della diagonale corta…. per la fase di possesso italiana inizia l’agonia degli scontri uomo contro uomo

DSC_0164

Palla a Darmian e la preoccupazione dell’Uruguay è non concedere manovra ai due play italiani… Rodriguez rintraccia Verratti mentre la difesa stringe in una morsa 6 contro 3 l’attacco italiano …..uno screen che mestamente avevamo già visto con il Costarica che applicava un pressing sopra la linea di centrocampo con una difesa altissima…… la Celeste ci ha provato ma…..

 

DSC_0156

Ma l’Uruguay l’ha abbandonata quasi immediatamente perchè aggredendo alto se l?italia fosse uscita con il palleggio Darmian e sopratutto De Sciglio avevano possibilità di prenderli alle spalle dando la possibilità alle due punte di trovarsi lo spazio nell’uno contro uno

 

DSC_0158

In questa azione c’è il pericolo che ha corso nel primo contropiede… Balotelli viene ad attaccare dietro ai due centrali che coprono il centro ( vedi ancora Costarica) recuperando palla nell’uscita in palleggio dell’Italia e come avevamo detto precedentemente De Sciglio approfitta che la linea scappa per prendere i metri necessari ad attaccare dietro le spalle. L’errore di Immobile compromette l’azione andando incontro al 2 contro 1, se avesse letto bene la situazione con un contromovimento avrebbe attaccato l’uomo in ritardo ( linea freccia rossa ) dando la possibilità a Balotelli di puntare con più potenza la corsia centrale e dando ampiezza al fronte offensivo ( l’ombra dell’incopatibilità delle due ). Tabàrez si accorge subito che la partita impostata in questo modo porterebbe sempre a ripiegamenti improvvisi avendo contrapposte due punte ( il Costarica aveva 1 punta da controllare ) e abbandona la strategia aggressiva…. Si difende ma vince 1a0…. a volte forse è la strategia migliore

Su suggerimento del nostro Blogger Zeru Tituli  il miglior consiglio che potevamo dare era costringere l’Uruguay a cambiare forzatamente tattica… posizionarsi forse con Pirlo e Verratti  allineati ridisegnando magari un 4231 con la qualità degli esterni offensivi in panchina, avrebbe costretto l’ Uruguay sbloccare la posizione di Suarez e Cavani… e forse uno dei Trhee Play avrebbe avuto la possibilità di giocare a 360 gradi.

A presto…..

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: