Mourinho – 4231RM ..


Real Madrid FOTOSpecial One seconda parte. Il 4231RM prevede un ruolo moderno nel panorama calcistico che da alcuni anni stà riscontrando successo e cioè l’Ala a centrocampo, che non è mai da sottovalutare per complessità di movimenti. Infatti non stiamo parlando dell’ala vecchio stampo tutta dribling e cross padrona della fascia stiamo parlando di interpretazioni moderne in fase di possesso non possesso, ma anche in fase di pressing, Jurgen Klopp ad esempio durante la partita contro il Manchester City l’ha utilizzata come interno di centrocampo del 451 in fase di pressing ma allo stesso tempo per creare una sorta di mezzapunta, Mourinho invece l’ha volutamente modificata per esaltare il suo gioco offensivo che come ribadiamo si fonda maggiormente sullo sfruttare le transizioni veloci piuttosto che i contropiedi.Di MariaAngèl Di Maria è un esterno voluto a tutti i costi da Mourinho perchè considerato pedina fondamentale per versatilità e utilità al progetto Real Madrid….ala pura mancina capace di tagliare dentro possiede un ritmo di gioco altissimo in grado di soddisfare le esigenze del tecnico. Mourinho chiede a Di Maria un grande lavoro difensivo oltre ai compiti offensivi fino a farlo arrivare il quinto della difesa, ma normalmente il minimo richiesto in fase di non possesso è di contribuire a scalare sulla mediana. Nello screen possiamo vedere come il lavoro difensivo contribuisca ad aiutare Xabi Alonso a sopperire alle mancanze difensive di Cristiano Ronaldo stringendo dalla fascia opposta Khedirà che a sua volta spinge Xabi Alonso in una sorta di scivolamento laterale. E’ un punto cruciale del 4231RM perchè questo movimento tampona l’asimmetria che permette a Cristiano Ronaldo di rimanere dedicato alla fase della transizione veloce più di Benzemà….. che diventa il primo appoggio se chi recupera palla non si trova nella situazione adatta di lanciare l’asso portoghese. Nello screen della posizione media è chiaro quanto Di Maria debba rientrare profondo e interno al modulo con un tracce ben marcate (marroncine) lasciate sotto il centrocampo e non solo…. infatti i suoi compiti sono anche interni. Di Maria 2Qui lo vediamo seguire profondo una veloce ripartenza quasi ad integrarsi con la linea difensiva e quasi sostituendosi all’intervento del terzino (le doti fisiche sono eccezionali) e come possiamo vedere in fondo cerchiato Cristiano Ronaldo ha un’interpretazione davvero poco difensivaDi Maria 4in fase di pressing è il primo che esce sul terzino, per Mourinho il pressing deve solo forzarti la giocata quindi la fase di gruppo è molto meno marcata lasciando al singolo giocatore il compito di una pressione individuale che in Di Maria trova un giocatore estremamente adatto per caratteristiche fisiche e mentali.

Questo però non basta perchè nel 4231RM il suo ruolo di Ala ad Attaccare lo porta a contribuire a slanciare sulla fascia il gioco offensivo di Mourinho….vediamo come

Di Maria 1Un movimento importante sulla transizione è quello di allargarsi immediatamente come possiamo vedere anche dalle posizioni medie, questo per almeno tre motivi utili all’impianto, il primo perchè costringe il terzino che gli rimane vicino ad allargarsi di modo che non possa spingere la linea difensiva verso Cristiano Ronaldo, in pratica contribuisce ad isolare Cristiano nell’uno contro uno qualora fosse servito in fascia, il secondo perchè crea subito gli spazi necessari per poter dare mobilità ai centrocampisti (importante come dicevamo per quando Ronaldo riesce a tenere palla)Di Maria 3

il terzo motivo è perchè il taglio centrale ad inserirsi lo esalta , infatti qui può esprimere le sue doti di punta esterna liberando la sua eccezionale creatività creando un mix offensivo di grande effetto unito alla forza di Benzemà e alla potenza d’urto di Ronaldo …in più può lasciare lo spazio per i movimenti a supporto di Arbeloa e Khedirà, in pratica sulle transizioni veloci cerca lui stesso l’uno contro uno contro il terzino sia in fascia sia nel taglio mettendolo sempre in seria difficoltà dato le sue abilità tecniche che gli consentono dribling in velocità. Come dicevamo il gioco di Mourinho se si sviluppa sulle fasce è fortemente incentrato sull’isolamento della punta esterna e  anche se principalmente è sbilanciato su Cristiano Ronaldo non rinucia ad un’ottima fase offensiva sul lato opposto.

Possiamo concludere dicendo che il De Maria è il prototipo di un esterno moderno  che si adatta bene in tutte le fasi di gioco e che spende tanto per la squadra arrivando al sacrificio della marcatura a uomo se il terzino avversario è un fluidificante puro, ma in ogni caso è un giocatore che nel 4231RM non può non essere presente….A presto

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: