Mourinho – 4231RM .


Real Madrid FOTOThe Special One prima parte – Fmprofessional dedica un’analisi dal punto di vista di FM all’allenatore amato e invidiato per eccellenza nel panorama calcistico alla scoperta del suo Real Madrid plasmato e discusso ma che ha ritrovato dei punti fermi nel suo modo di giocare e un nuovo progetto per il tecnico portoghese a cui è mancato solo il sostegno per rilanciare il Blancòs. Noi parleremo dal lato di Football Manager tralasciando le vicende reali e cercando di approfondire con la nostra analisi i lati positivi e negativi del 4231RM di Josè Mourinho che si muove in gruppo ma esalta i singoli che ti conquista con le transizioni rapide e ti fà capire che dietro l’organizzazione c’è qualcosa di Special.R. Madrid - Sevilla (Visuale TV)

Una delle impronte di Mourinho che ha dato al Real Madrid è stata sicuramente l’occupazione degli spazi in tutte e tre le fasi di gioco ma che diventa determinante durante l’uno contro uno di Cristiano Ronaldo. Un lavoro molto accurato che ha portato il tecnico portoghese a modernizzare l’impianto con molti giocatori che lavorano negli spazi, non snaturando quello che è il suo credo di calcio verticale e di grande ritmo che richiede ruoli ben definiti in tutti e tre i reparti del campo. L’obbiettivo è colpire in profondità senza dare agli avversari la possibilità di riorganizzarsi …..  Cristiano Ronaldo è quindi il fulcro di tutte le azioni del Real Madrid che favorisce il lavoro negli spazi dei compagni di squadra…. e per Mourinho è il finalizzatore e trascinatore della squadra, (nella realtà Cristiano ha la media di 7 tiri a partita con noi ne ha fatti 11) e le sue discese devono essere il frutto di un lavoro di squadra e di una tattica che sia in fase di possesso che in fase di non possesso, possa permettergli la ricezione del pallone.R. Madrid - Sevilla (Visuale TV)-2Partendo da questo per Mourinho è molto importante che Cristiano Ronaldo possa isolarsi (punto chiave del Mourinho-4231RM) il più possibile nell’uno contro uno avendo a disposizione la maggior porzione di campo possibile, questo mette qualsiasi terzino affronti il portoghese in una situazione di netta inferiorità sia in velocità che in tecnica. L’impianto quindi oltre a prevedere la posizione molto avanzata di Cristiano ha una asimmetria tattica ben studiata che esaltano le qualità di Ronaldo sia in termini di velocità nello spazio sia in termini tecnici di facilità di ricezione del pallone, tutto questo non perdendo la capacità di attaccare sul fronte opposto con il risultato di essere non solo imprevedibile ma anche  ben organizzato sulle transizioni.R. Madrid - Sevilla (Visuale TV)-3Il risultato voluto da Mourinho lo vediamo subito con la prima sponda di Benzemà, la difesa avversaria infatti non ha altro modo di chiudere l’area il prima possibile  correndo centralmente lasciando il terzino in affanno nell’uno contro uno puro…. mostrandoci il GAP in termini di velocità che qualsiasi terzino deve recuperare sull’attaccante portoghese. Tatticamente l’eventuale raddoppio in sostegno del terzino potrebbe arrivare solo dopo che Cristiano ha portato palla al limite dell’area, questo permmette sempre al Real Madrid di riempire gli spazi sopratutto con la punta Benzemà e il trequartista Ozil. Qui Mourinho insiste tanto perchè sulla Star portoghese si affida completamente per mettere in inferiorità numerica gli avversari, richiamando più giocatori avversari sulla fascia e dando a Cristiano il palcoscenico per i suoi numeri con la possibilità di poter uscire in dribling anche da un eventuale raddoppio.  APRITE L’ARTICOLO PER CONTINUARER. Madrid - Sevilla (Visuale TV)-4Non meno pericoloso è lo schema che si apre quando Benzemà lascia il corridoio centrale libero, Mourinho sfrutta le naturali doti di Ronaldo di richiamare su di sè la difesa chiedendogli di stringere palla al piede…la stella portoghese con le sue finte infatti punta continuamente l’uomo costringendo la difesa a chiudersi e coprirsi reciprocatamente e centralmente…… Mourinho a questo punto vuole che sia Khedirà che Di Maria siano sempre molto creativi negli inserimenti sul lato debole lavorando ancora una volta sull’occupazione degli spazi lasciati scoperti. L’impressione di rapidità di attacco è sorprendente ma molto si deve al tempo che Cristiano Ronaldo riesce a tenere palla guadagnando porzioni avanzate di campo, infatti è proprio su questo che l’impianto basa l’occupazione degli spazi da parte dei compagni. R. Madrid - Sevilla (Visuale TV)-5Anche sulle ripartenze a fronte aperto il 4231RM propone 2 blocchi di giocatori che si muovono in direzioni opposte. Questo fortifica l’idea di Mourinho di stirare la difesa avversaria allargandola alla ricerca dell’uno contro uno per dare modo ai centrocampisti di recupero palla di essere richiamati ad inserirsi nelle catene offensive. Infatti Xabi Alonso và a rimorchio allargandosi di Coentrao e Ronaldo mentre Khedirà và a rimorchio in verticale di Ozil e Benzemà con l’innegabile vantaggio di mantenere pressione e dare PUNCH alla fase di rifinitura applicando la regola di Mourinho che il gioco offensivo deve essere anche funzionale al recupero palla. Una caratteristica del 4231RM è infatti come vedremo più avanti l’utilizzo di due centrocampisti abili nell’interdizione oltre che duttili a contribuire all’impostazione in fase di recupero palla.R. Madrid - Sevilla (Visuale TV)-8Nella scelta della prima punta il 4231RM ha due opzioni molto simili Benzemà e Higuain…. che danno a Mourinho la possibilità di spostare il blocco squadra di 20 metri avanti o 20 metri indietro. Roccioso e più abile nel possesso palla il primo …veloce e con più ritmo il secondo.. entrambi per Mourinho sono adatti a creare spazi quindi è molto importante che siano perno della fase offensiva ma  con un ruolo ad attaccare…questo perchè hanno doti di inserimento e doti finalizzative partendo da lontano. Tatticamente Benzemà accorcia la squadra e dà al Real la possibilità di allargarsi sulle fasce in fase offensiva  ma non fà sentire la sua presenza in area di rigore che arriva con poco TIMING sulle veloci transizioni quando sopratutto Ronaldo riesce a sfondare sulla fascia…questo dà agli esterni l’onere di concludere l’azione con movimenti che dall’esterno vanno a stringere verso la porta portandoli spesso al tiro da lontano e marcando maggiormente l’importanza del sostegno di OZIL e del primo centrocampista che si deve innescare che è KHERDIRA’.  D’altro canto offre fisicità in appoggio portando anche contrasti a centrocampo in favore delle ripartenze e alleggerisce la fase difensiva del centrocampo che può essere molto più creativo nella transizione ad accompagnare la ripartenza.4231RMR. Madrid 433 HIGUAINBen diversa è l’interpretazione di Higuain che fisicamente dà al 4231RM più velocità e profondità di azione, ma meno collaborazione a centrocampo sia in sostegno che in compiti difensivi. Come vediamo dallo screen in una situazione analoga avevamo visto Benzemà dare campo al movimento ad accentrarsi di Ronaldo…. Higuain invece ha caratteristiche da punta avanzata e ne approfitta per attaccare la profondità e dettare il passaggio portando molto più velocemente la manovra allo sviluppo verticale. Nell’idea tattica di Mourinho però il ruolo da interpretare è lo stesso ed entrambi giocatori sono funzionali al suo impianto ma con risultati diversi….. da qui l’alternanza è non solo per Forma fisica ma anche in base all’impronta che Mourinho vuol dare alla partita (molto offensiva Higuain attendista e offensiva Benzema’). Forse Higuain fornisce all’impianto qualche gol in più per la maggiore presenza in area nei momenti conclusivi e per la capacità di rendere Ozil più partecipe ad interpretare un ruolo offensivo e meno di supporto portando il 4231RM ad un 433 asimmetrico con il massimo blocco offensivo formato da Ronaldo-Higuain-(Di Maria/Ozil in base alla situazione). Il rovescio della medaglia è dover fornire molta più copertura al centrocampo con compiti difensivi più marcati, perchè sia Ronaldo che Ozil partecipano molto più attivamente al gioco verticale trovandosi almeno 15 metri più avanzati e nel cambio di possesso a favore degli avversari difficilmente riescono a bene per contribuire alla transizione negativa sopratutto Ozil. In pratica come dicevamo il Real è sbilanciato almeno in avanti in un atipico 433 con conseguenze di un più faticoso recupero palla, ma con capacità offensive superiori e la capacità maggiore di andare profondo e dietro alla difesa avversaria attaccando anche con palle filtranti centrali e non solo in fascia. Nella Seconda parte il centrocampo e il difficilissimo ruolo di Angel Di Maria…….

Annunci

One Response to Mourinho – 4231RM .

  1. Pingback: Cholo – A scuola di palla lunga | fmprofessional

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: