Scuola di Calci Piazzati

La traversa di Jovetic regala un’altra chicca di Vincenzo Montella che sfodera il repertorio dei Calci Piazzati che potrebbe mettere paura a qualsiasi squadra una volta affinati i movimenti. A presto…..

Annunci

Montella – Il Designer del Calcio

L’impressione è che Vincenzo Montella sia facilmente associabile ad un vero Designer del calcio moderno, la sua Fiorentina infatti viene disegnata senza complicati tatticismi,  puntando bensì su princìpi lineari che richiedono lucidità tattica, gamba esplosiva e un pizzico di spregiudicatezza che Vincenzo lascia ai suoi interpreti, evitandogli una visione rigida dell’impianto di gioco. Contro la Juventus (0 – 0) esprime i suoi concetti nell’azione più limpida della partita….. la Juve infatti si appiattisce a centrocampo cercando di anestetizzare il gioco nel momento in cui si rende conto che non riesce a portare pressione in maniera efficace nè su Pizarro nè sulla costruzione bassa della Fiorentina,  Montella non si lascia scappare l’occasione, Romulo mette subito al servizio della squadra fiato e gambe e attacca le spalle del centrocampo juventino, interpretando il ruolo del finto Cavallo di Troia e costringendo un giocatore della juventus ad uscire dalla linea difensiva. Intanto la coppia Pizzaro-Borja Valero orchestra da dietro decidendo i tempi e traiettorie dell’attacco a lunga gittata, la doppia Regìa è sicuramente una delle cose più belle del nuovo centrocampo viola, che stupisce per qualità e integrazione con la fase difensiva. La linea arretrata bianconera si trova troppo campo davanti e incomincia a sbagliare i tempi del sostegno alla fase di recupero palla, si alza pericolosamente e Bonucci sembra soffrire la mancanza di uno schermo difensivo (Pirlo) che gli permetta di ridurre le porzioni di campo da coprire , Montella adesso può forzare la mano. Su palla lunga e filtrante la Fiorentina guadagna porzioni di campo decisive, Ljacjc e Jovetic attaccano largo e profondo puntando subito la porta e cercando mai di permettere alla Juve di recuperare le posizioni difensive da qui anche l’alta percentuale di tiri e dribling effettuata da due, infatti è proprio la mobilità di Ljacjc con movimenti a mezzaluna interni ed esterni a costringere Mister Carrera ad optare per il cambio Pirlo-Pogba con la funzione di intercettare la punta viola. Chiaramente sia Pasqual che Quadrado hanno ottenuto un grande vantaggio posizionale dai movimenti centrali della squadra rischiando movimenti anticipati dietro Lichsteiner e Asamoah. Giaccherini si è perso tra le due fasi di gioco  mentre Vidal ha dovuto contribuire a riequilibrare il vantaggio sulle fasce della Fiorentina. Al di là del risultato Montella vince sul piano tattico lo stesso Mister Carrera non ha potuto non dichiarare che non sono riusciti a mettere in pratica nessuno degli schemi preparati in settimana,cercando forse anche di giustificarsi per una lettura della partita meno accurata di Mister Conte che ci aveva abituato a cambi di modulo repentini e vincenti. A presto…

Fiorentina vs Juventus – L’ARENA DEI GLADIATORI

Dopo polemiche scippi, sgambetti e ritorsioni inutile dire che FIORENTINA -JUVENTUS si preannuncia come una delle sfide più belle del campionato 2012/13. Due allenatori a confronto, moduli speculari ma con interpreti e mentalità differenti e la voglia da parte di entrambi di dare un segnale forte alle dirette antogoniste. Serviranno nervi d’acciaio sia per chi vedrà la partita dalla panchina sia per chi sarà in prima linea in campo, ma dal punto di vista tattico sarà una bella sfida da analizzare, di sicuro per entrambi gli allenatori avere il predominio territoriale sarà uno dei problemi e una delle chiavi per uscire vittoriosi dall’ ARENA DEI GLADIATORI. Staremo a vedere…..a presto

Stefan Jovetic – The Showmen

I più grandi club d’Europa hanno sempre creduto che Stefan Jovetic non avrebbe deluso le aspettative che un giorno sarebbe diventato un grande giocatore. Lui che aveva per mano il Partisan di Belgrado a 19 anni indossando coraggiosamente la fascia di Capitano rientra dopo un doloroso infortunio dominando la scena iniziale della stagione 2012/13. La Fiorentina non lo cederà facilmente il rinnovo del contratto potrebbe prevedere una clausola rescissoria di 40 milioni di euro!!! – Daltronde la sua chioma cotonata è il terrore delle difese che affrontano la squadra viola, tatticamente interpreta bene il ruolo di seconda punta che attacca con uno spiccato senso del  gol, riesce ad esprimersi al meglio sulle transizioni quando la squadra riesce a recuperare palla alta, infatti nonostante non sia dotato di grande velocità riesce a sopperire alla lacuna con doti tecniche superbe che lo rendono uno showman della trequarti, capace di lasciarti sul posto con un dribling o lasciarti a bocca aperta mentre ti fa passare il pallone sopra la testa. Inutile dire poi che davanti alla porta ha una varietà di armi da far impallidire qualsiasi portiere, destro, sinistro, assist, bomba o liftato…..insomma un vero rebus. E se qualcuno l’ha paragonato al mitico Savicevic, lo stesso Dejàn ha risolto il confronto dichiarando ” con il potenziale che ha, potrebbe essere ancora meglio…”. Good Luck Stefan!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: